Salta al contenuto principale

Green Design per un mondo più sostenibile

green design img

La cosiddetta ecoinnovazione sta diventando essenziale per i produttori, che ogni giorno sono chiamati a soddisfare le richieste dei clienti in materia di sostenibilità. Oltre alla maggiore consapevolezza della clientela, le pressioni delle organizzazioni non governative (ONG), l'introduzione di nuovi quadri legislativi e le iniziative di settore che appoggiano linee guida più severe per i produttori stanno determinando cambiamenti significativi.

Anche gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite hanno un ruolo importante, perché invitano tutto il mondo a proteggere il pianeta e a migliorare la vita e le prospettive di tutti. Molte aziende appoggiano gli SDG adottando misure proattive per essere più sostenibili.

Axis sa bene che le sue scelte determinano il nostro futuro e si impegna a prendere quelle giuste per le persone e l'ambiente. Sappiamo che il progresso non si limita all'innovazione e lavoriamo duramente per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale in tutta la catena logistica.

L'obiettivo è trasformare le nostre operazioni in un punto di riferimento per il settore. In questo percorso, ci concentriamo su tre aree strategiche: lotta al cambiamento climatico, protezione delle risorse naturali e tutela degli ecosistemi. Dare priorità al green design, con l'utilizzo di più materiali riciclati e la graduale eliminazione delle sostanze pericolose, fa parte del nostro desiderio di agire in modo responsabile e rimanere allineati agli SDG delle Nazioni Unite.

Green design: questione dimentalità

Nel 2012, Axis ha creato l'Axis Green Design Group con l'obiettivo di incoraggiare scelte sostenibili e più consapevoli nella progettazione dei prodotti. Il gruppo opera su più fronti, dalla progettazione alle scienze ambientali, e coinvolge ingegneri meccanici, ambientali a dei materiali con esperienza su polimeri, elastomeri e leghe metalliche.

Per capire come dare la priorità alla sostenibilità nello studio di nuovi prodotti e inserire il green design nel manuale di progettazione Axis, il gruppo ha definito linee guida e creato uno strumento di valutazione. La valutazione si articola in:

  • Selezione dei materiali
  • Ottimizzazione della progettazione dei componenti
  • Ottimizzazione della progettazione per la produzione
  • Ottimizzazione dello smaltimento

Fondamentale la scelta dei materiali

“La selezione di materiali sostenibili è una delle aree di maggior attenzione”, afferma Ausra Reinap, Senior Environmental Engineer di Axis Communications e membro dell'Axis Green Design Group. “Ci impegniamo a utilizzare più materiali riciclati, come le plastiche rinnovabili a base di carbonio, e a ridurre l'uso di sostanze pericolose nei nostri prodotti. Lo sviluppo di telecamere prive dei pericolosi ritardanti di fiamma bromurati e clorurati, senza compromettere la protezione antincendio, è stato una tappa importante del nostro percorso verso questo obiettivo”.

L'eliminazione graduale dei materiali pericolosi non avviene in una sola fase. Per cominciare, Axis individua le aree dei prodotti che possono contenere questimateriali. Ciò richiede una stretta collaborazione con i fornitori e un sistema consolidato per mappare lo stato di ogni componente, materiale e prodotto. Dopo aver identificato i materiali pericolosi all'interno dei prodotti, Axis collabora con i fornitori attuali o trova nuovi partner per avere opzioni alternative. Questa procedura può richiedere tempo; inoltre, alcuni materiali sono più difficili da sostituire rispetto ad altri. Si tratta di un processo continuo, perché i prodotti innovativi costantemente immessi sul mercato richiedono uno screening di conformità.

Axis segue un elenco di sostanze vietate e limitate, tra cui quelle già regolamentate per legge e le sostanze non ancora limitate ma che potrebbero diventarlo in futuro. “L'elenco comprende i plastificanti e i ritardanti di fiamma bromurati e clorurati, o BFR e CFR, come li chiamiamo noi. Per noi è molto importante non solo aspettare le leggi, ma piuttosto anticiparle di un passo”, spiega Ausra. “La proattività offre un vantaggio competitivo. Lavorando in questo modo, siamo già pronti per le future normative, creando un business più solido e offrendo ai clienti prodotti privi di sostanze pericolose”.

Oltre i materiali

Per ridurre al minimo l'impatto ambientale e gli sprechi, dobbiamo pensare non solo ai materiali da utilizzare, ma anche a come progettare unprodotto. Invece di pensare in modo lineare e utilizzare nuove risorse, dobbiamo adottare un approccio più circolare per ridurle al minimo e riutilizzarle.

Johan Widerdal and Ausra Reinap

Ridurre il numero di componenti e il peso è fondamentale. Utilizzare meno materiale significa utilizzare meno risorse e ridurre l'impatto ambientale e i costi di trasporto.

Scegliere i materiali giusti e semplificare il montaggio e lo smontaggio semplifica la riparazione, il riutilizzo e il riciclaggio. “Idealmente, la progettazione deve essere modulare, per un prodotto facile da costruire, riparare e riciclare: l'approccio circolare è sostanzialmente questo”, spiega Johan Widerdal, Specialist Engineer Mechanics di Axis Communications e membro dell'Axis Green Design Group.

Johan continua: “Stiamo studiando il modo migliore per progettare i prodotti con i materiali giusti per il riciclaggio e l'economia circolare; inoltre, cerchiamo di allungarne il ciclo di vita attraverso il riutilizzo, la riparazione e la rigenerazione”.

Priorità alla qualità e alla sostenibilità

Se il passaggio alle alternative sostenibili è doveroso, i produttori devono anche fare in modo che i materiali offrano una qualità identica a quelli tradizionali. I test sono fondamentali.

“I nuovi materiali vengono testati a livello tecnico e normativo, per garantire che soddisfino i nostri requisiti e quelli di legge”, spiega Jonna Lagerblad, Senior Mechanical Engineer di Axis Communications e membro dell'Axis Green Design Group. “I test devono essere approfonditi per tutti i nuovi materiali e hanno dimostrato che, per longevità e durata, i prodotti sostenibili possono essere altrettanto validi, se non migliori, rispetto a quelli in plastica”.

Questi test rigorosi vengono applicati a tutti i componenti e, per poter essere utilizzati, devonoessere conformi ai requisiti tecnici corrispondenti, ad esempio UL: la sostenibilità, infatti, non deve compromettere la sicurezza.

Costantemente al lavoro per un maggiore rispetto dell'ambiente

“Il green design è un concetto piuttosto ampio che si prefigge di capire come ridurre al minimo l'impatto ambientale nell'intero ciclo di vita del prodotto”, spiega Ausra. “Per Axis è un obiettivo costante”.

Nel 2021, Axis ha raddoppiato il consumo totale di plastica rinnovabile a base di carbonio, passando da 23 a51,5 tonnellate. Inoltre, ha lanciato tre prodotti contenenti questo tipo di plastica. Il 27% delle telecamere immesse sul mercato nel 2021 era privo di BFR/CFR. In totale, circa il 90% delle telecamere di rete e dei codificatori Axis presentati nel 2021 non conteneva PVC.

Nel 2022, il Green Design Group si è impegnato ad aumentare l'uso di materie plastiche rinnovabili a base di carbonio per i dispositivi Axis. Di conseguenza, è migliorata la mappatura del contenuto di plastica rinnovabile al carbonio suiprodotti e sono stati organizzati corsi di formazione per il reparto R&S Axis per incoraggiare un maggiore utilizzo di materiali rinnovabili. “Sappiamo che la selezione di materiali riciclati può essere una sfida. Questo è dovuto principalmente al fatto che ci sono ancora pochi materiali rinnovabili al carbonio che soddisfano i requisiti tecnici, in particolare le severe normative UL degli Stati Uniti e del Canada”, commenta Jonna.

L'anno prossimo, l'Axis Green Design Group vuole migliorare ulteriormente il suo strumento di valutazione e altre aree importanti, in linea con le ambizioni dell'azienda in materia di ambiente.

Una responsabilità fondamentale

Ausra conclude: “Oggi è fondamentale che un produttore sia responsabile verso la sostenibilità; il green design è indispensabile per essere credibili. Axis ha ambizioni grandissime; se la sua volontà è quella di essere il leader del settore, deve ridurre l'impatto ambientale nell'intero ciclo di vita del prodotto e in tutta la catena logistica”.

Per maggiori informazioni su come Axis cerca di ridurre al minimo il suo impatto ambientale:
Enrica Marras
 - 
Contatto stampa
Marketing Specialist, Axis Communications
Telefono: +39 02 8424 5762
|
To top